Fondi progettazione scuole innovative e poli infanzia

  Nota 21 febbraio 2019, n. 4986  

Miur – Direzione edilizia scolastica

INAIL – Direzione centrale patrimonio

 

Agli Enti locali beneficiari

Oggetto: Comunicazione relativa alla procedura di “scuole innovative”.

Come è noto, l’articolo 42-bis, comma 2, del decreto-legge 28 settembre 2018, n. 109, convertito, con modificazioni, dalla legge 16 novembre 2018, n. 130, ha stabilito che “al fine di promuovere la progettazione delle scuole innovative di cui all’art. 1, comma 153, della legge 13 luglio 2015 n. 107, è autorizzata la spesa di euro 9 milioni per ciascuno degli anni 2018, 2019 e 2020. Al relativo onere si provvede mediante corrispondente riduzione dell’autorizzazione di spesa di cui all’art. 1, comma 158, della legge n. 107 del 2015, destinata al pagamento dei canoni di locazione da corrispondere all’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (INAIL) per la realizzazione delle scuole innovative”.

Pertanto, sulla base di tale disposizione normativa, il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca è autorizzato ad anticipare in favore degli enti locali beneficiari le somme necessarie per lo sviluppo della progettazione, nei limiti del valore complessivo dell’area oggetto di cessione in favore dell’INAIL.

L’INAIL infatti, sulla base di quanto previsto dal presente programma di investimento, deve corrispondere all’ente locale beneficiario, solo al momento della presentazione del progetto esecutivo, il corrispettivo del valore dell’area su cui sarà realizzata la nuova scuola. In questo modo, a seguito dell’approvazione della normativa richiamata, l’INAIL corrisponderà tali somme al Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca che ne ha anticipato l’erogazione all’ente locale, per far fronte all’esigenza più volte rappresentata dagli enti locali beneficiari di avere sin da subito la disponibilità finanziaria per avviare la progettazione della nuova scuola.

Pertanto, al fine di poter quantificare l’entità del contributo utile, da corrispondere agli enti beneficiari per l’affidamento degli incarichi di progettazione, si chiede di fornire entro l’8 marzo 2019 le seguenti informazioni relative all’area oggetto di cessione:

1. documentazione atta ad indicare tutte le condizioni, anche urbanistiche, e la piena idoneità dell’area all’edificazione, compresi i titoli di proprietà e/o di provenienza, il CDU ed eventuali vincoli (servitù di fatto o trascritte, idrogeologico, paesaggistico, ecc.) e le previste autorizzazioni per l’edificazione ove già ottenute;

2. importo richiesto per l’acquisizione da parte di INAIL dell’area edificabile, libera da eventuali opere da demolire e da eventuali bonifiche (ordigni bellici, inquinanti, discariche, ecc.); tale importo dovrà essere supportato da una stima redatta dall’ente beneficiario in indirizzo tenendo conto dei criteri di congruità descritti nella parte seconda delle “linee guida” allegate alla nota INAIL del 29 maggio 2018 per le iniziative per le quali è stato esperito il concorso di idee e del 19 ottobre 2018 per le ulteriori sette iniziative.

Inoltre ogni ente dovrà indicare l’importo necessario per l’espletamento dei servizi di progettazione esecutiva in modo che l’INAIL possa stimare un valore di massima di ciascuna area attraverso una metodologia “desk” e il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, nei limiti di tale valore, possa corrispondere all’ente locale quanto necessario per consentire le attività di progettazione.

Si rappresenta che una volta determinati i valori dell’area e conosciuto l’ammontare delle risorse necessarie per garantire l’espletamento degli incarichi di progettazione, gli enti beneficiari in indirizzo saranno invitati dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca a presentare la richiesta di anticipazione nei limiti dei valori delle singole aree, così come determinati dall’INAIL.

Contestualmente, saranno fornite dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca le indicazioni per la rendicontazione delle somme concesse.

Si precisa che le somme erogate ai sensi dell’articolo 42-bis del decreto-legge 28 settembre 2018, n. 109, convertito, con modificazioni, dalla legge 16 novembre 2018, n. 130, rappresentano una mera anticipazione di risorse in favore dell’ente locale a scomputo del valore dell’area oggetto di cessione e non costituiscono, quindi, un ulteriore finanziamento a favore dell’ente locale.

Si resta in attesa di riscontro congiunto ai seguenti recapiti e si porgono distinti saluti:
– dgefid@postacert.istruzione.it
– dcpatrimonio@postacert.inail.it

IL DIRETTORE GENERALE
Simona Montesarchio

IL DIRETTORE CENTRALE PATRIMONIO
Carlo Gasperini